ItaliaNOogm

italia no ogmIl prossimo 9 aprile il Tar si pronuncerà sul ricorso presentato da un agricoltore friulano contro il decreto che proibisce la semina di mais Ogm. Se il ricorso fosse accolto le porte al biotech si spalancherebbero.

Rischiamo semine incontrollate di colture geneticamente modificate in tutta Italia con danni alla biodiversità e ripercussioni sul cibo che mettiamo in tavola ogni giorno. Un colpo durissimo per il made in Italy, le produzioni biologiche e la libertà di scelta di tutti noi cittadini. Gli unici che ci guadagnerebbero? Le lobby che producono Ogm.

Invadi la rete! con #italiaNOogm posta sui social – Facebook, Twitter e Instagram – le immagini dei tuoi piatti preferiti, delle ricette tipiche, dei prodotti che ami e condividi con i tuoi contatti